contro- intestazione

Ti piace qualche foto di questo blog? Non rubarla, chiedimela! E se proprio non ce la fai ... vedi di non usarla per lucro! - contact email: vbpress68@gmail.com

Le Piscine di Coccorocci

Nel profondo dell'Ogliastra, ai piedi di una montagna verde, nascosto dalle fronde di lecci secolari ed enormi oleandri, scorre, su un letto di granito rosso, un piccolo torrente. Nulla di spettacolare o di sorprendente, salvo che siamo in una regione della Sardegna piuttosto arida e questo torrente zampilla perenne a poche centinaia di metri dal mare.

Le Piscine. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D700, ob. Nikon AF-S 60/2.8 Micro ED, Gitzo GT3541LS Arca B1, merge di 6 scatti.
Punta Cartucceddu e la valle ai suoi piedi. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D700, ob. Nikon AF-D 24/2.8, circ. pola.
Indicazioni per il percorso. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D700, ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, circ. pola.
Scogliere di granito di Punta Cartucceddu e il torrente. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D700, ob. Nikon AF-D 24/2.8 e ob. Nikon AF-S 60/2.8 micro ED, Gitzo GT3541LS Arca B1.
Le Piscine. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D700, ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, circ. pola, Gitzo GT3541LS Arca B1.
Le Piscine. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D700, ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, circ. pola, Gitzo GT3541LS Arca B1.
Le Piscine viste da "dentro". Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D800, ob. Nikon AF-DX 10.5/2.8 fisheye, Sea&Sea MDX-D800 Dome 240,
double strobe Sea&Sea YS-250, 4+11+11" TLC arms.
Le Piscine viste da "dentro". Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D800, ob. Nikon AF-DX 10.5/2.8 fisheye, Sea&Sea MDX-D800 Dome 240,
double strobe Sea&Sea YS-250, 4+11+11" TLC arms.

Se il torrente in questione è relativamente noto (almeno a livello locale), altrettanto dovrebbero esserlo i suoi abitanti. Di fatto per noi è stata una sorpresa incontrare il piccolo anfibio che in queste acque gialle color camomilla, prospera sereno. E' il minuscolo e colorato tritone sardo [Euproctus platycephalus], almeno credo che si tratti di lui. Da una veloce ricerca sul web le immagini che ho trovato mi fanno dedurre che si tratti proprio di questa specie. Piccolo (il più lungo sfiorava a malapena i 7cm, dalla punta del muso all'estremità della coda) coloratissimo nella sua livrea giallo arancio, si muove lento aggrappato alle rocce del torrente, in continua caccia di infinitesimali larve di cui pare ghiotto. Mi sarebbe piaciuto riuscire a cogliere l'azione di caccia, ma è già tanto che sia riuscito a collezionare le immagini che seguono.

Tritone Sardo [Euproctus platycephalus], adulto. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D300, ob. Nikon AF-s 105/2.8 micro + TC14 II, Sea&Sea MDX-D300, ER40+Macro Port S35,
double strobe Sea&Sea YS-D1, 4+8+8" TLC arms.
Tritone Sardo [Euproctus platycephalus], adulto. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D300, ob. Nikon AF-s 105/2.8 micro + TC14 II, Sea&Sea MDX-D300, ER40+Macro Port S35,
double strobe Sea&Sea YS-D1, 4+8+8" TLC arms.
Tritone Sardo [Euproctus platycephalus], adulto. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D300, ob. Nikon AF-s 105/2.8 micro + TC14 II, Sea&Sea MDX-D300, ER40+Macro Port S35,
double strobe Sea&Sea YS-D1, 4+8+8" TLC arms.
Un giovane Tritone Sardo [Euproctus platycephalus], con appendici branchiali ancora in essere. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D300, ob. Nikon AF-s 105/2.8 micro + TC14 II, Sea&Sea MDX-D300, ER40+Macro Port S35,
double strobe Sea&Sea YS-D1, 4+8+8" TLC arms.
Un grosso Isopode. Marina di Gairo (OGL) - Giugno.
Nikon D300, ob. Nikon AF-s 105/2.8 micro + TC14 II, Sea&Sea MDX-D300,
ER40+Macro Port S35, double strobe Sea&Sea YS-D1, 4+8+8" TLC arms.


Note fotografiche di ripresa sul campo
Per raccontare delle storie usando le fotografie non basta sedersi ad una tastiera e dare libero sfogo alla propria fantasia. E no, il fotografo non è uno scrittore, deve uscire dalla porta e mettersi in moto per cercare i protagonisti dei suoi racconti. Talvolta questa attività implica un po' di sforzo fisico e di organizzazione (logistica). Nella fattispecie, per realizzare riprese subacquee in luoghi non proprio canonici, occorre pianificazione e attenzione a molti (diabolici) dettagli. Ringrazio mia moglie Laura che oltre a seguirmi e ad aiutarmi nel trasporto di tanta attrezzatura, ha realizzato delle immagini veramente belle che raccontano il dietro le quinte. Eccole quindi. 

Sul sentiero per le piscine nelle ore del tardo pomeriggio.
Trasporto e montaggio degli scafandri ... e di tutto il resto
La "Vestizione" e "Varo" del subacqueo. E pensare che mi da fastidio toccare la gomma
Galleggiamento garantito: 7.5mm di neoprene, appena sufficienti per non cedere all'ipotermia.
Making pictures
... come sopra.

Tutto il materiale che ci siamo trascinati sulle pietre delle Piscine è stato necessario. Dalla prima boccola al sottomuta da 3mm, nulla, ma proprio nulla, è stato di troppo. L'unica cosa che non potevo portarmi appresso era l'esperienza di come approcciare i tritoni (in termini fotografici). Ora lo so, ora so cosa fare per avere fotografie migliori di queste. Un'ottima scusa per ritornare e riprovarci.
Dico sempre così, ma poi si fa quel che si puo'.

Posto magnifico, esperienza straordinaria.


2 commenti:

  1. Foto e ricerche molto belle e d'interesse! Tempo fa anche nelle risaie del novarese c'erano simili tritoni, non salamandre, i cui colori variavano: dorso marrone molto scuro grigiastro, ventre azzurro maculato di bianco o turchese maculato arancione.

    RispondiElimina
  2. Purtroppo, o per fortuna, i Tritoni hanno bisogno acqua veramente pulita. Sono anfibi che respirano anche attraverso la pelle: bastano poche gocce di idrocarburi per ucciderli, sterminarli. Questo e altro (pesticidi) spiega come mai, caro Stefano, oggi trovare un tritone in risaia è praticamente impossibile. Questo torrente dell'Ogliastra, come altri della Sardegna, è assolutamente privo di inquinanti, salvo quelli portati dalle piogge, che sono trascurabili perchè qui piove poco e l'acqua che alimenta il corso d'acqua è filtrata a monte dalle rocce della montagna. Non mi stupirei se risultasse potabile.

    Da visitare! Fai girare la voce, ma non troppo

    ciao

    RispondiElimina