contro- intestazione

Ti piace qualche foto di questo blog? Non rubarla, chiedimela! E se proprio non ce la fai ... vedi di non usarla per lucro! - contact email: vbpress68@gmail.com

Porto Conte e la costa a Nord di Capo Caccia.

Questo post è una riedizione di quanto già pubblicato nel Giugno 2012. Mi sono reso conto che le immagini non avevano colori e toni "giusti". Ricorrendo a software più adatti ho sviluppano nuovamente quegli scatti, aggiunti di nuovi e ri-editato il testo il tutto nella speranza di rendere al meglio la mia testimonianza di un luogo veramente incantevole. In modo analogo ho aggiornato il post su Capo Caccia.    

-------------------------------------------------------------------------

La riserva di Porto Conte è un bosco ai piedi del monte Timidone, arroccatto sul promontorio di Capo Caccia, a mezza via verso la sua estrema propaggine. Pini marittimi, Lecci, Sughere, Palme Nane e Gariga di macchia mediterranea, si affacciano su una scogliera calcarea bianchissima, a picco su un mare blu spettacolare. 

La scogliera di calcare bianco. Riserva di Porto Conte, Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D700, ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED.
Gariga di macchia mediterranea in prossimità della scogliera, Riserva di Porto Conte, Alghero - Giugno.
Nikon D700, ob Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, hands hold.
A sinistra la scogliera calcarea, a destra l'isola Piana. Riserva di Porto Conte Capo Caccia, Alghero - Giugno.
Nikon D700, ob Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, tripod Gitzo GT3541LS head Arca B1.
Lucertola che "sugge" la rugiada dalle foglie di euforbia. Riserva di Porto Conte, Alghero - Giugno.
Nikon D300, ob Nikon AF-S 200-400/4 G VRII, tripod Gitzo GT3541LS head Arca B1.
Acqua piovana e Somaro selvatico. Riserva di Porto Conte, Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D3, ob Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, Nikon D300, ob Nikon AF-S 200-400/4 G VRII.

La riserva non è ad accesso libero. E' consentito entrare, con la propria automobile e raggiungere i parcheggi indicati lungo il percorso, dalle 9.00 del mattino alle 16.00 del pomeriggio. Inspiegabilmente non viene richiesto il pagamento di alcun biglietto. Tanto controllo per quale ragione? L'area del monte Timidone, le sue falesie marine, in passato era molto importante perché ospitava una piccola popolazione di Grifoni. Purtroppo oggi non è più così e per veder volare il magnifico rapace occorre spostarsi più a sud, sulle scogliere di Bosa. Oggi qui dei grifoni rimane il solo ricordo, documentato da macabri cumuli di ossa animali, resti di un carnaio non più frequentato. Il perché della fine di questa piccola popolazione pare sia legato alla pessima usanza di seminare bocconi avvelenati per i cani randagi. Ma forse la faccenda è più subdola e potrebbe nascondersi nell'uso di un potente farmaco utilizzano sui capi ovini, farmaco che uccide i saprofagi che si nutrono di quelle carni. Del resto questa è la ragione del tracollo di tutti gli avvoltoi nel subcontinente indiano, uno sterminio rapido che in 15 anni ha ridotto del 90% la popolazione di tutti i grifoni di quella vasta regione. Oggi nella riserva è possibile incontrare dei timidi Asini selvatici. Questi asini sono un bel mix tra i ciuchi bianchi di Asinara e altri non meglio specificati, comunque selvatici. A dividere con loro la macchia e il bosco vi è una nutrita popolazione di Cinghiali e un buon numero di Daini. Attenzione però, i bei cespugli di mirto e di pungente ginepro, sono infestati dalle zecche. E anche questa volta ho subito le loro attenzioni.

La scogliera dove dovrebbero planare i Grifoni. Riserva di Porto Conte, Alghero (SS) - Giugno
Nikon D700, ob Nikon AF-S 17-35/2.8 ED.
Che bello sarebbe se ...
Il Carnaio dei Grifoni e il casotto per osservazioni. Riserva di Porto Conte, Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D700, ob Nikon AF-S 17-35/2.8 ED.
Macabri avanzi è tutto quel che c'è da vedere.
Nikon D700, ob Nikon AF-S 17-35/2.8 ED.

-------------------------------------------------------------------------


La baia di Porto Conte.
Riparata dai venti di Maestrale, di Libeccio e di Scirocco, la baia di porto conte è un frammento di mare tranquillo. Dove non copre la montagna di Capo Caccia, ci pensano le falesie di Punta Giglio a difendere questo tratto di mare dal vento impetuoso che scolpisce le forme degli alberi. L'acqua calma, verde cristallo, è un invito al tuffo.

Baia di Porto Conte, Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D700, ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, hands hold.
Baia di Porto Conte, Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D300 in Housing Sea&Sea MDX D300, ob. Sigma 8-16/4-5.6 dome Sea&Sea Fisheye 240.
Torre del Tramariglio e Punta Giglio. Capo Caccia, Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D700, ob Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, hands hold.

-------------------------------------------------------------------------


Dalle spiaggia del lago di Baratz a Torre del Porticciolo.
Invito a visitare la costa che va dalla spiaggia del lago di Baratz a Torre del Porticciolo. A nord delle falesie di Capo Caccia, la scogliera si abbassa. Rocce grandi e piccole si schiantano nel mare. Qui l'onda batte impetuosa perchè è vasta la superficie di mare che la alimenta.

La costa a Nord di Capo Caccia non è più una falesia verticale. Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D3, ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, Polarizer, hands hold
La costa presso la Spiaggia del lago di Baratz. Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D3, ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, Polarizer, hands hold.

La spiaggia del lago di Baratz è uno di quei rari luoghi del mediterraneo dove si può praticare il surf. Il vento sferzava forte e il sole picchiava duro. Sono bastati questi pochi minuti per depositare sulla lente frontale del 200-400 un inquietante straterello di aerosol marino. Ci sta, non si può evitare. Serve poi un po' di delicatezza e un solvente speciale, tipo acqua del rubinetto, ma di fatto dopo 20 minuti di ripresa ai concentratissimi surfer, mi sono dovuto arrendere.

Surfing. Spiaggia del lago di Baratz. Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D300, ob Nikon AF-S 200-400/4 G VR II, monopode Gitzo GM2541.

Proseguendo verso sud, lungo piste sterrate affrontabili a piedi o al più a cavallo, si attraversa una bassa macchia di Mirto e Ginepro. Non ci sono case, abitazioni o quant'altro in questo tratto di costa basso e battuto dal vento, fino alla Torre del Porticciolo. Qui un piccolo dosso roccioso ripara un'insenatura sabbiosa. Qui tornano ad esserci abitazioni e strade percorribili, e qui infine consiglio una visita all'agriturismo Porticciolo. 

Una comoda strada di campagna lungo la costa a nord di Torre del Porticciolo. Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D3, ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, Polarizer
L'insenatura protetta di Torre del Porticciolo. Alghero (SS) - Giugno.
Nikon D3, ob. Nikon AF-S 17-35/2.8 ED, Polarizer

Nessun commento:

Posta un commento