contro- intestazione

Ti piace qualche foto di questo blog? Non rubarla, chiedimela! E se proprio non ce la fai ... vedi di non usarla per lucro! - contact email: vbpress68@gmail.com

Vergogna, senza appello

Questo blog dovrebbe parlare di fotografia ed attività all'aria aperta, ma quando è troppo è troppo.

Italia, un paese governato da Cialtroni.
Sì ho scritto cialtroni con la "C" maiuscola, perchè qui in Italia, per questa categoria umana, siamo i primi in classifica a livello mondiale. Nel giorno in cui dovremmo ricordare il grandissimo Pietro Mennea, che se ne è andato troppo presto, il mio lamento, il mio sbotto, invece si deve alzare per la vicenda tragica (e vorrei dire  anche comica se non ci fossero morti e prigionieri di mezzo) dei Marò italiani, restituiti come un pacco indesiderato, e con tante scuse, ad un destinatario quantomeno bizzoso. Sulla genesi della vicenda non voglio dire nulla, che già di per sé richiamerebbe l'appellativo di cui sopra, ma sull'epilogo di questa notte non si può tacere. Non posso tacere da italiano, moderato, non affiliato ad alcuna associazione, non sindacalizzato, insomma da libero cittadino, e con "cittadino" non voglio che si fraintenda una qualche mia parentela con movimenti più o meno stellati,  lontano da qualsiasi passione militarista, ho servito il mio paese come Obiettore di Coscienza, non posso passare oltre e non unirmi al coro pressochè unanime di biasimo che si sta alzazdo da tutto il nostro bello stivale peninsulare.
Personalemente  ho sempre portato rispetto e stima per chi, pur indossando una divisa ed imbracciando un fucile, sceglie di svolgere compiti di necessità inalienabile, mettendo a repentaglio la vita. Dai carrozzoni bianchi della missione in Libano (tra l'altro mi risulta che ci siano ancora Italiani di stanza a Beirut) al disgraziato Afghanistan, i militari italiani si sono sempre distinti. Sono "italiani", quindi disposti più alla parola che alla pistola.

Per questo ragazzo i Politici presenti si spellarono le mani applaudendo.
Un bell'ornamento per i discorsi ufficiali?

Allora se queste persone le applaudiamo nelle parate, le piangiamo quando cadono vittime di bombe vigliacche e innalziamo lapidi per non dimenticarci del loro sacrificio, COME CAZZO E' POSSIBILE RISERVARE LORO UN TRATTAMENTO COME QUELLO DI QUESTA NOTTE??

Ministri professori, eminenti studiosi della cosa pubblica, fini conoscitori delle pieghe (o piaghe) della nostra giurisdizione e di quella internazionale, è questo il meglio che siete stati capaci di fare?
Ora quei due nostri, ma soprattutto vostri (perchè siete voi a comandarli non certo io) Soldati, sono diventati ostaggio VERO in terra straniera, consegnati in cambio di che? Del passaporto di un alto funzionario italiano, bloccato a sua volta nel paese ospitante? Ma quando mai uno stato estero prende ostaggio un ambasciatore! E' roba da prima guerra mondiale!! Lo stato che fa un'operazione del genere si mette fuori dalla comunità internazionale, si svilisce davanti ad altri Stati ben più influenti del nostro. Ma ve le devo dire io ste cose, un ingengnere elettronico, che il diritto lo ha studiato per 7 mesi all'istituto tecnico, un milione di anni fa?? 
Cito, ma non commento, la rassicurazione ministeriale che garantisce che i nostri soldati non verranno passati per le armi: no comment.
Spero, mi auguro, che dietro a questo triste voltagabbana governativo ci siano elementi non noti a noi comuni cittadini, faccende che si svilupperanno in un tempo più lungo e che porteranno frutto. Lo spero, ma non ci credo. Troppe sono le prove di Cialtroneria che i dirigenti politici italiani hanno dato dalla fondazione, non della Repubblica, ma dello stato italiano qiundi da ben prima, da molto prima.
Mi unisco alla rabbia dei Marò e delle loro famiglie, Soldati abbandonati, e non è la prima volta che accade, dal loro Stato, burocrate e ottuso, Stato per il quale hanno servito e, ahimè, continueranno a servire oltre ogni ragionevole richiesta.

Un saluto a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone,
Soldati.






Notes for non Italian reader. --------------------------------------
First I want to declare that this blog is born to speak about photography but the last thing happened call a protest.

The story.
You know that 2 Italians soldier are accused from India government of a murder of two Indian fishermen on a offshore (international sea) fighting fire. The Soldier where boarded on an Italian cargo ship, to prevent pirate attacks, a very common plague in Indian Ocean. The true facts are controversial. After the offshore shooting the Italian ship was invited by radio message by official Indian Coast Guard to moor in an Indian port: Indians officers needed to ask to the Italian their testimony of the facts. When they landed, the Indians immediately arrested and jailed the two Italians soldiers (Marò, it's like Marine in US), accusing them of murder.

The last facts and the epilogue.
In March the Indian government agreed to let the Italians soldier return back to Italy, in order to allow them to vote in Political Elections (....). Then an Italian Foreign Minister declared that the soldiers would never return back in India 'cause India hadn't respected international sea agreement. IN reply to this, immediately India locked the Italian Ambassador passport, effectually arresting him. After that, the whole government got together in a night session and decided finally to succumb to the Indian's blackmail. The same night the Foreign Minister disposed the return of the Italian soldier in India. They leaved Italy this very morning.

My indignation and the reason for the Post.
I think, I believe, that the government of a Nation has the primary duty to defend his citizens. Moreover, if the citizen is a soldier, this duty become more stringent. In Italy is different. The soldiers are good as peacekeepers all around the world, are good for official parade, are good for Remember days, but when the case is difficult, the situation embarrassing, the soldiers systematically are Stateless and abandoned to their own destiny.The current story is a magnificent example of this behavior. Italy needs, as fast as possible, a switch-over in the ruling class. It is very difficult, but, you know, the time is over and this story is here to confirm.

Be patient for my poor English.

2 commenti:

  1. L'ennesima figura di *****, un voltagabbana degno degli schettino e del peggio che ci abita ! E dire che l'Italia non è solo questo ma ha le forze, le intelligenze e una storia che può portarla ben oltre, davanti a tutti.

    RispondiElimina
  2. Mi meraviglio più di chi continua a servire uno stato del genere... Se ne usciranno vivi,spero proprio che si congederanno!

    RispondiElimina