contro- intestazione

Ti piace qualche foto di questo blog? Non rubarla, chiedimela! E se proprio non ce la fai ... vedi di non usarla per lucro! - contact email: vbpress68@gmail.com

La città sul fiume

Credo di non sbagliarmi ad affermare che di tutte le città della Sardegna, Bosa sia la più "anomala". L'anomalia sta nel carattere distintivo di città, fatta di case alte e strette, come se ne vedono in Liguria, e del fiume Temo sulla cui sponda destra si arrocca la città vecchia..

Il biglietto da visita di Bosa per chi arriva da Oristano-Sassari. Bosa (OR) - Giugno.
Nikon D500 ob. Nikon AFs 200-400/4 VR II G Gitzo Gt3541LS Arca B1.
Il fiume Temo, porto canale - Giugno.
Nikon D800E, ob. Sigma ART 24/1.4.
Il ponte vecchio di sera. Bosa (OR) - Giugno.
Nikon D500 ob. Nikon AFs 105/2.8 Micro VR G.
Gli edifici delle vecchie concerie del lungo Temo. Bosa (OR) - Giugno.
Nikon D500 ob. Nikon AFs 105/2.8 Micro VR G.
I palazzi del centro hanno storie da raccontare. Bosa (OR) - Giugno e Agosto.
Nikon D800E e D800 ob Sigma 24/1.4 ART.
I vicoli di Bosa sono molto suggestivi, lo è molto meno trascinare le borse della spesa su quei sassi. Bosa (OR) - Giugno.
Nikon D800E ob. Sigma 24/1.4 ART.
Centro città: da visitare! Bosa (OR) - Giugno.
Nikon D800E ob. Sigma 24/1.4 ART, Nikon D800E ob. Nikon AF-s 105 /2.8 Micro G.
Si, senza dubbio è il fiume a fare la differenza, i bei palazzi che vi si affacciano, il lungofiume da percorrere (a piedi?) e il bellissimo ponte Vecchio in lastre di granito grigio, fanno di Bosa un unicum per tutta l'isola. I tratti d'architettura presi a prestito (imposti, è meglio) dalla regione dei Doria/Malaspina disegnano una città unica, definiscono una Sardegna speciale dentro ad una regione già particolare. Abbiamo percorso più e più volte il lungo fiume, su entrambe le sponde, tra un ristorane e l'altro, un take away e un chiosco mobile, peraltro senza mai restare delusi, respirando l'aria dolce dell'estate che qui a Bosa non è mai torrida, anche in pieno Agosto. Di certo nelle nostre passeggiate, dopo un'immersione mattutina o la sera prima di fare la spesa, come nelle soste nei bei ristoranti del lungofiume, avremmo apprezzato l'assenza delle automobili almeno lungo la passeggiata delle vecchie concerie. Senza le vetture (parcheggiate e in movimento) quel tratto di città diventerebbe un salotto meraviglioso come ora non è: ai tavolini, chi si siede a capotavola lato strada, rischia la sberla da specchietto retrovisore. Che senso ha? Nessuno, sono 200 metri da chiudere al traffico, non mezzo quartiere, uno sforzo minimo che porterebbe vantaggi pazzeschi, di immagine e di vivibilità. Rammento agli amici bosani che spesso le peggiori malefatte si nascondono in dettagli apparentemente minimali.

Ponte Vecchio, torre e castello Malaspina. Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800E ob. Sigma ART 24/1.4.
Attorno al ponte Vecchio, le nasse per le aragoste ricordano che il mare è lì a due passi. Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800 ob. Sigma 24/1.4 ART.
Autoscatto sul ponte Vecchio. Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800E ob. Nikon AF-s 105 /2.8 Micro G.

il Lungo Temo (fiume) non è ZTL. Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800E ob. Nikon AF-s 105 /2.8 Micro G..
Il Ponte Vecchio nella calda luce della sera. Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800E ob. Sigma 24/1.4 ART.



La Processione di Santa Maria Stella a Maris.
La mattina della prima domenica di agosto, i bosani trasferiscono la statua della Madonna del Mare dalla chiesa di Bosa Marina alla Cattedrale di Bosa; il pomeriggio dello stesso giorno la Madonna ritorna alla Marina, nella piccola chiesetta che la accoglie stabilmente. Il trasporto avviene via fiume in una densa processione di barche che risalgono, la mattina, e ridiscendono, la sera, il Temo da porto a porto. La festa è molto partecipata e nonostante la massa di persone, e di automobili, si svolge in assoluta serenità. Confesso di essere allergico agli assembramenti, alle feste caciarone, ma qui non ho avuto eruzioni cutanee o altro tipo di manifestazioni epidermiche o gastriche, anzi. Abbiamo atteso il passaggio di ritorno serale della processione sul ponte Nuovo, accanto alle donne che lanciavano petali di fiori sopra le barche in transito, quindi con passo tranquillo abbiamo raggiunto la Marina per uno spuntino al volo (un panino al maialino arrosto: roba da vegani) il tutto nella ressa della moltitudine di partecipanti, ma mai nella calca. una festa serena che si è conclusa con monumentale spettacolo pirotecnico sulla spiaggia di Bosa Marina. Quindi, se vi capita di essere a Bosa la prima di agosto, non perdetevi questa bella occasione. Peraltro, devo dirlo devo dirlo, al chiosco degli spiedi ho avuto un terribile tentennamento: maialino o anguilla arrosto, anguilla o maialino o anguilla E maialino. Ho optato per il solo porceddu, buonissimo, ma mi è rimasta l'acquolina. Vedi? Mi tocca tornare.

La gente si accalca al parapetto del Ponte Nuovo. Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800E ob. Nikon AFs 18-35/3.5-4.5 G.
Barche barche barche. Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800 ob. Nikon AFs 70-200/2.8 VR II + TC17.
La barca con la Madonna e le autorità. Lo scatto più ITALIANO che abbia mai realizzato. Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800 ob. Nikon AFs 70-200/2.8 VR II + TC17.
Lancio dei petali sulle barche: "signora ha devastato il suo giradino??" - "ma no! Ne ho un vagone di fiori". Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800E ob. Nikon AFs 18-35/3.5-4.5 G.
Passata la processione, fine. Bosa (OR) - Agosto.
Nikon D800E ob. Nikon AFs 18-35/3.5-4.5 G.
Fuochi, sulla spiaggia , la festa si conclude per davvero. Bosa Marina (OR) - Agosto.
Nikon D800E ob. Nikon AFs 18-35/3.5-4.5 G, Gitzo GT3541LS, Arca B1.

6 commenti:

  1. Perchè dobbiamo prostituire la nostra lingua per l'inglese, lingua usata per rutti e latrati quando coll'italiano si scrivevano già poemi? Forse che "mano libera" non rende l'idea come espressioni anglofone di uguale significato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è per render comprensibile anche a chi la nostra lingua non la mastica proprio. E' un dato "tecnico", per il resto devono accontentarsi di Google Translate, che regala dei capolavori di sano umorismo.

      Elimina
  2. Adesso ripulisco tutto da ogni ingerenza dei Brexit

    RispondiElimina
  3. Mirko, hai visto che son riuscito a "cannare" la messa a fuoco alle signore sul ponte pur usando un obiettivo straordinario come il 24/1.4 ART? Eh, non è da tutti.

    RispondiElimina
  4. Al di là di ogni singola foto è proprio il tuo sguardo che colora il mondo ! Bravo ! :)

    RispondiElimina
  5. Bellissimo racconto ... attraverso le immagini ! Grazie ! Lorenzo C.

    RispondiElimina