contro- intestazione

Ti piace qualche foto di questo blog? Non rubarla, chiedimela! E se proprio non ce la fai ... vedi di non usarla per lucro! - contact email: vbpress68@gmail.com

Gru a mazzi!

Non si era mai visto un fenomeno come questo. Nessuno, negli ultimi 40 anni, ha memoria di una cosa del genere. Da un mese circa uno stormo di oltre 300 gru staziona tra i campi e il corso del Sesia. E vuoi che non ci provo ad andare a vederle da vicino?

La riva del Sesia in questo inverno mite. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D800E, ob Nikon AF 24/2.8 D, hands hold.
I soliti pioppi che mi danno il benvenuto al parco. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
C'è tormenta in alto sul Monte Rosa. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D3, ob Nikon AF S 600/4 VR G, Gitzo GT5541LS Arca swiss B2. Photomerge.
Ecco il primo stormo. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D3, ob Nikon AF S 600/4 VR G, Gitzo GT5541LS Arca swiss B2.
Ne arrivano altre e fanno gran chiasso. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D3, ob Nikon AF S 600/4 VR G, Gitzo GT5541LS Arca swiss B2.
Il tramonto non dura mai abbastanza. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D3, ob Nikon AF S 600/4 VR G, Gitzo GT5541LS Arca swiss B2.

Una Domenica d'inverno serena e soleggiata. E' un inverno decisamente mite questo del 2016. E' da un mesetto che so delle Gru che stazionano attorno al Parco delle Lame. Le ho già incontrate (2005-2008 più o meno) sulle rive del fiume, ma ho avuto solo modo di sentire il loro distintivo vociare nel buio della notte. Stavolta sarà diverso. Settimana scorsa le ho seguite con il binocolo mentre, di primo mattino, partivano dirette ai campi intorno alla riserva di Casalbeltrame. Questa sera voglio aspettarle al loro rientro sul fiume. Alle 16.40 sono appostato sulla riva del Sesia. Ho scelto di usare il capanno auto-montabile e tentare la fortuna puntando il teleobiettivo al cielo. Non devo aspettare molto che uno stormo di una trentina di individui compare a sud, direzione Oldenico. Volano in cerchio, intersecando più volte l'asta fluviale. Non capisco se vogliano fermarsi o, proprio oggi (!), abbiano deciso di ripartire verso sud. Di fatto lo stormo si allontana e non lo sento nemmeno più. La luce cala, il tramonto è (per me) troppo breve (ok, non siamo all'Equatore, ma nemmeno in Finlandia). La mia fedele D3 però mi consente di restare "al pezzo" finché c'è una bava di luce, e io ci sto. Nel debole chiarore del crepuscolo, come speravo, le Gru ritornano ed è come avevo immaginato: cercano un luogo tranquillo per passare la notte, e quale luogo migliore se non il greto del fiume nel cuore del Parco delle Lame? Ne arrivano a centinaia, mi sorvolano e proseguono oltre. Le vedo scendere più a monte: accidenti ho sbagliato posto, di poco, ma quanto basta per vederle solo volare sopra di me. Uno spettacolo chiassoso e classico per i paesi scandinavi, un evento storico per me qui nel Parco e io me lo godo, finché scende la notte.

Eccole ne arrivano ancora! San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D3, ob Nikon AF S 600/4 VR G, Gitzo GT5541LS Arca swiss B2.
Ma quante sono??? San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D3, ob Nikon AF S 600/4 VR G, Gitzo GT5541LS Arca swiss B2.
Volano sopra al mio capannino. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D3, ob Nikon AF S 600/4 VR G, Gitzo GT5541LS Arca swiss B2.
Lascio il mio appostamento sul lungo fiume. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D800E, ob. Nikon AF 24/2.8 D Gitzo GT5441LS Arca Swiss B2.
Ormai è notte fatta e son solo le 18.22. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D800E, ob. Nikon AF 24/2.8 D Gitzo GT5441LS Arca Swiss B2.
LA luna illumina il cielo e il sentiero. Meno male. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D800E, ob. Nikon AF 24/2.8 D Gitzo GT5441LS Arca Swiss B2.
I soliti pioppi da cui mi congedo. San Nazzaro (NO) - Gennaio.
Nikon D800E, ob. Nikon AF 24/2.8 D Gitzo GT5441LS Arca Swiss B2.

Le foto che desideravo realizzare non le ho, toccherà riprovarci prima che questa occasione svanisca così come è arrivata. Ritorno sui miei passi seguendo il sentiero illuminato dalla luna. Camminar di notte nel Parco in giornate come questa, fredde e secche, è un piacere sottile. Nel silenzio delle tenebre si può udire il topolino nel rovo, il richiamo dell'allocco, il frusciare dei rami spezzati da ... un grosso cinghiale. L'urlo scomposto - di questo si tratta - del Cinghialone oggettivamente mette un po' di inquietudine. Non che io sia timoroso di questo irsuto suino, no macchè, però come si dice < è bene ciò che è bene > quindi poichè son belle che le sette passate, faccio che andare a casa alla faccia del piacere sottile della notte d'inverno.

To be continued ... promesso.

4 commenti:

  1. hai fatto una segnalazione su ornitho.it? ciao

    RispondiElimina
  2. Ciao
    No, perché non sono iscritto a quel portale. Perlatro credo che Ornitho sia già informata da altri "osservatori" ben più qualificati di me :)

    RispondiElimina
  3. Ciao Valerio! Bello il tuo report..Ma mi chiedevo..La palude di Casalbeltrame? In che stato versa? Ci sono stato questa estate e sono entrato visto che il portone era aperto, anche se non era sabato mattino. E lasciata in abbandono, cioè, hanno solo fatto l'inanellamento nel passato 2015, ma poi, da quanto ne so, non ci sono più soldi per pagare i guardiani. Tu ne sai qualcosa? Ah, scusa, non mi sono presentato! Sono Marco. Non so se ti ricordi di me. Ci siamo sentiti circa 2 annetti fa, ti avevo chiesto lumi su un 600 Nikon..Penso ti ricorda. Ciao!

    RispondiElimina
  4. Ciao Marco, mi ricordo eccome di te! Va beh l'età, ma dammi ancora qualche anno prima che l'arterio prenda il sopravvento. Su Casalbeltrame: la stazione di inanellamento va avanti a fare il suo lavoro grazie alla passione di chi vi dedica tempo e fatiche. Per quanto riguarda la struttura non so dirti molto perché io non la frequento. So che il tunnel fotografico già due anni fa cadeva a pezzi. Il casone centrale credo che invece sia in buono stato. Mi risultava che il cancello di ingresso venisse aperto solo in orari specifici nei fine settimana, se le cose sono cambiate lo ignoro. Le Gru si spostano tra i campi intorno a Casalvolone, Casalbeltrame, San Nazzaro Sesia e dall'altra parte del fiume ad Albano ed Oldenico. No si sa dove decidano la mattina di recarsi a fare colazione, di certo di sera cercano gli angolini più appartati del fiume per restare tranquille e schiacciare un pisolino. Si vede che si trovano bene qui da noi, c'è da esserne orgogliosi ti pare?
    Fatti vivo ogni tanto e grazie del tuo passaggio.
    Un saluto

    RispondiElimina